CHE COS’È IL CAFFÈ?

che cos’è il caffè?

Il caffè è una bevanda ottenuta dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali appartenenti al genere Coffea, parte della famiglia botanica delle Rubiacee, un gruppo di angiosperme che comprende oltre 600 generi e 13.500 specie.

Sebbene all’interno del genere Coffea siano identificate e descritte oltre 100 specie, commercialmente le diverse specie di origine sono presentate come diverse varietà di caffè. Le più diffuse tra esse sono l’arabica e la robusta.

pianta del caffè

Da dove viene il caffè?

Gli alberi del caffè sono potati a breve per conservare la loro energia e aiutare nella raccolta, ma possono raggiungere un’altezza di oltre 30 piedi (9 metri). Ogni albero è coperto da foglie verdi e cerose che crescono l’una di fronte all’altra in coppia. Le ciliegie di caffè crescono lungo i rami. Poiché cresce in un ciclo continuo, non è inusuale vedere contemporaneamente fiori, frutta verde e frutta matura su un singolo albero.

Ci vuole quasi un anno perché una ciliegia matura dopo la prima fioritura e circa 5 anni di crescita per raggiungere la piena produzione di frutta. Mentre le piante di caffè possono vivere fino a 100 anni, sono generalmente le più produttive tra i 7 ei 20 anni. Una cura adeguata può mantenere e persino aumentare la produzione nel corso degli anni, a seconda della varietà. L’albero del caffè medio produce 10 chili di caffè ciliegia all’anno, o 2 libbre di fagiolini.

Tutti i caffè coltivati commercialmente provengono da una regione del mondo chiamata Coffee Belt. Gli alberi crescono meglio in terreni ricchi, con temperature miti, pioggia frequente e sole ombreggiato.

Classificazione botanica

Il caffè ha origine da un genere di piante noto come Coffea. 

All’interno del genere ci sono oltre 500 generi e 6.000 specie di alberi e arbusti tropicali.
Gli esperti stimano che ci siano ovunque da 25 a 100 specie di piante di caffè.

Il genere fu descritto per la prima volta nel XVIII secolo dal botanico svedese Carolus Linneaus, che nel 1753 descriveva anche Coffea Arabica nel suo Specie Plantarum. Da allora i botanici non sono d’accordo sull’esatta classificazione, poiché le piante di caffè possono variare ampiamente. Possono essere piccoli arbusti ad alto fusto, con foglie da uno a 16 pollici di dimensione, e in colori da viola o giallo al predominante verde scuro.

Nell’industria del caffè commerciale ci sono due importanti specie di caffè: l’Arabica e la Robusta.

Coffea Arabica – C. Arabica

Varietà: Bourbon, Typica, Caturra, Mundo Novo, Tico, San Ramon, Giamaica Blue Mountain

La Coffea Arabica discende dagli alberi di caffè originali scoperti in Etiopia. Questi alberi producono un caffè fine, delicato e aromatico e rappresentano circa il 70% della produzione mondiale di caffè. I fagioli sono più piatti e più allungati rispetto alla Robusta e meno caffeina.

Sul mercato mondiale, i caffè Arabica portano i prezzi più alti. I migliori arabi sono caffè ad alto tasso di crescita – generalmente coltivati tra i 2.000 ei 6.000 piedi (da 610 a 1830 metri) sul livello del mare – sebbene l’altitudine ottimale vari con la vicinanza all’equatore.

Il fattore più importante è che le temperature devono rimanere miti, idealmente tra 59 – 75 gradi Fahrenheit, con circa 60 pollici di pioggia all’anno. Gli alberi sono abbondanti, ma un forte gelo li ucciderà.

Gli alberi di Arabica sono costosi da coltivare perché il terreno ideale tende ad essere ripido e l’accesso è difficile. Inoltre, poiché gli alberi sono più inclini alla malattia rispetto a Robusta, richiedono cure e attenzioni aggiuntive.

Coffea canephora – C. canephora var. Robusta

Varietà: Robusta

La maggior parte della Robusta mondiale è coltivata nell’Africa centrale e occidentale, in alcune parti del sud-est asiatico, tra cui Indonesia e Vietnam e in Brasile. La produzione di Robusta è in aumento, sebbene rappresenti solo il 30% circa del mercato mondiale.

Robusta viene utilizzato principalmente in miscele e caffè istantanei. Il chicco Robusta tende a essere leggermente più rotondo e più piccolo di un fagiolo Arabica.

L’albero robusta è più robusto e più resistente alle malattie e ai parassiti, il che rende più facile ed economico coltivare. Ha anche il vantaggio di essere in grado di sopportare climi più caldi, preferendo temperature costanti tra i 23 e i 27 gradi, che le consentono di crescere ad altitudini molto più basse rispetto all’arabica.

Richiede circa 150 cm di pioggia all’anno e non resiste al gelo. Rispetto all’arabica, i fagioli robusta producono un caffè con un gusto particolare e circa il 50-60% in più di caffeina.

Chiudi il menu